CITTA’ DI CASTELLO. FESTA PER I PATRONI FLORIDO ED AMANZIO

città-di-castello

La diocesi di Città di Castello si prepara a vivere la festa dei santi patroni, Florido ed Amanzio. Nel pomeriggio di oggi, lunedì 12 novembre, alle 18 in duomo saranno celebrati i primi vespri solenni e la messa della vigilia della festa dei patroni. In serata, alle 21, la veglia di preghiera promossa dalla pastorale giovanile durante la quale il seminarista Filippo Chiarioni sarà ammesso tra i candidati all’ordine sacro.

Domani, martedì 13, saranno celebrate in cattedrale le messe ogni ora dalle 8 alle 12. Alle 17.30, sempre in cattedrale, verranno recitati i vespri a cui seguirà la celebrazione eucaristica presieduta dal card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova. Nell’occasione verrà dichiarata chiusa la visita pastorale di mons. Domenico Cancian alla diocesi. Il vescovo, al termine della celebrazione, consegnerà la Lettera alla diocesi intitolata “Io sono con voi tutti i giorni”.

GIORNATA MONDIALE DEI POVERI, UNA GUIDA ALLA RIFLESSIONE PER LE CHIESE DELL’UMBRIA

0GMP

Si celebrerà domenica 18 novembre 2018 (XXXIII del Tempo Ordinario) la seconda Giornata mondiale dei Poveri, istituita da papa Francesco al termine del Giubileo della Misericordia nel 2016, e dal titolo «Questo povero grida e il Signore lo ascolta» (Sal 34,7).

Le diocesi dell’Umbria e le Caritas diocesane invitano a momenti di preghiera  dal 13 al 17 novembre e meditazione sulle parole di Papa Francesco. A tal proposito è stato pubblicata una Guida alla riflessione per le chiese dell’Umbria.

Nel Messaggio del Papa per questa Giornata si sottolineano in particolare, a partire dal Salmo che gli dà il titolo, tre verbi che caratterizzano l’atteggiamento del povero e il suo rapporto con Dio: “gridare”, “rispondere” e “liberare”. Nel Messaggio il Papa ricorda inoltre come «in questa Giornata Mondiale siamo invitati a dare concretezza alle parole del Salmo: “I poveri mangeranno e saranno saziati” (Sal 22,27). Sappiamo che nel tempio di Gerusalemme, dopo il rito del sacrificio, avveniva il banchetto. In molte Diocesi, questa è stata un’esperienza che, lo scorso anno, ha arricchito la celebrazione della prima Giornata Mondiale dei Poveri. Molti hanno trovato il calore di una casa, la gioia di un pasto festivo e la solidarietà di quanti hanno voluto condividere la mensa in maniera semplice e fraterna. Vorrei che anche quest’anno e in avvenire questa Giornata fosse celebrata all’insegna della gioia per la ritrovata capacità di stare insieme. Pregare insieme in comunità e condividere il pasto nel giorno della domenica. Un’esperienza che ci riporta alla prima comunità cristiana, che l’evangelista Luca descrive in tutta la sua originalità e semplicità: “Erano perseveranti nell’insegnamento degli apostoli e nella comunione, nello spezzare il pane e nelle preghiere. […] Tutti i credenti stavano insieme e avevano ogni cosa in comune; vendevano le loro proprietà e sostanze e le dividevano con tutti, secondo il bisogno di ciascuno” (At 2,42.44-45).

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO PER LA II GIORNATA MONDIALE DEI POVERI

ASSISI. GIORNATA REGIONALE DI FORMAZIONE IN PASTORALE DELLE VOCAZIONI

0Giornata regionale di formazione in pastorale delle vocazioni

Per il terzo anno consecutivo l’Ufficio regionale per la pastorale delle vocazioni della Conferenza episcopale umbra (Ceu) offre una giornata per riflettere su tematiche inerenti al discernimento e alla educazione dei giovani, in programma sabato 17 novembre (ore 9-12.30), presso il Pontificio Seminario Umbro “Pio XI” di Assisi, rivolta in particolare a sacerdoti e a consacrati. Sono previsti partecipanti anche da fuori Umbria. L’incontro del 17 novembre verte su un tema che ha per titolo “Trasformare i sogni di oggi nella realtà del futuro” e per sottotitolo “Accompagnare il discernimento vocazionale dichiarandosi adulti”.

“Quest’anno, cogliendo anche l’occasione del recente Sinodo dei vescovi su ‘giovani e vocazione’ – spiega don Alessandro Scarda, responsabile dell’Ufficio regionale per le vocazioni – abbiamo chiesto a suor Roberta Vinerba, neo direttore dell’Istituto superiore di scienze religiose di Assisi (Issra), di aiutarci a focalizzare l’attenzione sull’importanza di adulti che possano essere punti di riferimento per quei giovani che cercano nella Chiesa una risposta ai loro sogni più belli e nobili”.

“Ciascuno di noi forma se stesso a partire da un modello di vita riuscita”. Lo evidenzia suor Roberta Vinerba nell’anticipare alcuni contenuti della sua lectio. “L’umanità di Gesù, che è l’uomo riuscito – prosegue la religiosa –, è il paradigma di ogni vita risolta, il modello che tanto affascina con la sua radicalità e nitidezza. Lui, in ultimo, è il sogno realizzato: a partire dunque dal desiderio di fare della propria vita qualcosa di bello e di valore, cercheremo di comprendere come la trasformazione dei sogni (desideri) sia un compito quotidiano che attiene ai doveri quotidiani e che questo processo, particolarmente urgente per i giovani, non si attua se non con l’aiuto e il riferimento di adulti significativi. Che purtroppo è quello che, troppo spesso, manca”.

 

TODI. NATO IL PRIMO OSSERVATORIO REGIONALE SUL WELFARE AZIENDALE

0WELFAREaziendale

È nato a Todi nei giorni scorsi il primo Osservatorio regionale sul welfare aziendale, su iniziativa del Movimento per la vita dell’Umbria e del Comune di Todi, con il supporto di Elcom System Spa e la consulenza di Jointly-Il welfare condiviso. Obiettivo di questo presidio è di promuovere una cultura del welfare aziendale sul territorio umbro, nell’ottica di aumentare il benessere delle persone dentro e fuori le aziende. Il tutto favorendo la condivisione delle buone pratiche già esistenti e incoraggiando l’incontro fra mondo imprenditoriale, amministrazioni locali e realtà del terzo settore.

“Si tratta di uno strumento che ha grandi obiettivi – afferma il presidente del Movimento per la vita dell’Umbria, Vincenzo Silvestrelli –: in un momento di grave difficoltà per il lavoro, si vogliono infatti trovare elementi di coesione tra imprenditori, lavoratori e istituzioni”.

Il Movimento per la vita, da sempre attento alla cultura dell’accoglienza della vita dal suo concepimento alla morte naturale, intende promuovere anche tutte quelle condizioni sociali che sono favorevoli all’accoglienza della vita; per questo si fa promotore di questa iniziativa. A tale proposito è stata inaugurata anche una sezione dedicata al welfare aziendale nel sito web www.mpvumbria.org.

Le realtà costituenti l’Osservatorio si impegneranno a sostenere nelle aziende la diffusione di iniziative di welfare in grado di aiutare le famiglie in ambiti come la sanità e l’assistenza a parenti bisognosi, l’educazione dei figli, l’adozione di orari di lavoro flessibili, nonché nel sostegno alle spese per gli asili e i centri estivi. L’Osservatorio sostiene anche il disegno di legge regionale per la costituzione di una analoga struttura sul welfare aziendale promossa dal Consiglio regionale dell’Umbria e valuterà di sciogliersi qualora esso realizzi in ambito istituzionale le stesse finalità.

DALLA CEU LETTERA APERTA A QUANTI SONO IMPEGNATI NEL MONDO DELLA SCUOLA IN UMBRIA

0SCUOLA

La Commissione Regionale per l’Educazione della Conferenza Episcopale Umbra come ogni anno esce per il 4 ottobre festa di San Francesco di Assisi con una lettera di augurio a quanti operano nel mondo della scuola. Questa lettera verrà consegnata alle scuole delle 8 diocesi umbre da parte della Commissione stessa per il tramite degli uffici scuola diocesani. Quest’anno il focus della commissione si è concentrato sui settanta anni della Costituzione Italiana, sul Sinodo sui giovani e sulle figure di insegnanti, a volte misconosciuti, e il cui lavoro non viene adeguatamente valorizzato ed apprezzato, che si impegnano specialmente nelle “periferie esistenziali”, come i quartieri difficili delle grandi città dove tanti ragazzi non frequentano la scuola o abbandonano presto gli studi. “Ci piace riassumere questi autentici “testimoni” nella figura di un “martire” della mafia: don Pino Puglisi. Sacerdote palermitano, insegnante di matematica e anche di religione nelle scuole della città, aveva capito che si potevano e dovevano coniugare,  per la crescita della persona, legalità e Vangelo e aveva promosso tutta una serie di iniziative per tenere vicino a sé i giovani, strapparli dalla strada e dalla delinquenza, e dare loro un futuro” (dalla lettera di inizio anno).
Ricordiamo che la Commissione Regionale per l’Educazione nella primavera scorsa ha organizzato i suoi incontri di formazione a cui hanno partecipato dirigenti, insegnanti, genitori, studenti, sacerdoti, religiosi, educatori.
Nell’anno passato ci siamo introdotti sulla questione dell’Alternanza Scuola Lavoro con un seminario di formazione su Giovani e Lavoro: un’utopia realizzabile – Riflessioni partendo dall’alternanza Scuola Lavoro, portato avanti da Silvia Cocchi, direttrice dell’Ufficio per la pastorale scolastica della Diocesi di Bologna, e Roberto Pellegatta, esperto formatore in sistemi e politiche scolastiche.
Anche nella primavera 2019 la Commissione Regionale per l’Educazione organizzerà nuovi incontri con nuove proposte di riflessione per la Scuola.

Annarita Caponera
Coordinatrice Commissione Regionale Educazione (CEU)

LETTERA CRESU 2018

SERVIZIO CIVILE NELLE CARITAS DELL’UMBRIA

0SCN

C’è ancora qualche giorno di tempo per la candidatura ai progetti promossi dalle Caritas diocesane dell’Umbria nell’ambito del Servizio civile nazionale. I ragazzi e le ragazze tra i 18 e i 28 anni che vorranno fare quest’esperienza, potranno presentare l’apposita domanda entro il 28 settembre prossimo.

Ventisette i posti a disposizione e sei i progetti. A cominciare da Perugia con “In a spirit of brotherhood” che riserva ai volontari quattro posti nell’ambito dell’immigrazione. Altrettanti a Terni per il progetto “Spazio integrazione” e nella Caritas operante nell’Archidiocesi di Spoleto-Norcia con “Vogliamo esserci per ripartire”, progetto che dà la possibilità per i ragazzi e le ragazze di essere impiegati al centro di ascolto (tre posti) e alla mensa (un posto). Cinque, invece, i volontari richiesti dalla Caritas Diocesana di Città di Castello con il progetto “La linea sottile”, che prevede l’impiego di 2 giovani al centro d’ascolto, altrettanti per il servizio mensa ed uno per quello dell’Emporio. Chiude il cerchio l’Ufficio pastorale della diocesi di Foligno con dieci posti per due progetti. Il primo, dal titolo Insieme si può”, prevede l’impiego di tre volontari alla mensa ed altrettanti all’emporio della solidarietà, uno al centro d’ascolto ed un altro all’ambulatorio medico-sanitario. Il secondo invece, dal titolo Integrando Foligno”, mette a disposizione due posti nell’ambito della bibliomediateca.

Il Servizio civile nazionale impiegherà i volontari per dodici mesi, favorendo la loro crescita sia da un punto di vista personale che professionale. I giovani, italiani e stranieri, che vorranno presentare la loro candidatura potranno farlo entro il 28 settembre prossimo scaricando il bando dal sito www.caritasitaliana.it oppure dai portali web delle singole Caritas diocesane umbre.

CITTA’ DI CASTELLO. NOMINE E AVVICENDAMENTI DI SACERDOTI E DIACONI

Cancian

A seguito della Visita pastorale e delle relative valutazioni emerse negli incontri con il clero ed anche con i laici, sono stati resi noti alcuni cambiamenti di sacerdoti e diaconi.

Don Stefano Sipos, parroco di Trestina, Bonsciano e moderatore dell’Up

Mons. Vinicio Zambri, parroco emerito e collaboratore parrocchiale

Don Simone Valori, parroco di Promano, Cinquemiglia, Castelvecchio e responsabile della Pastorale giovanile della Nella zona Zona Sud

Don Salvatore Luchetti, parroco di Morra, Volteranno e Ronti

Don Andrea Czortek è stato nominato vicario zonale della zona Centro

don Alberto Gildoni, parroco della Cattedrale

diacono Nicola Testamigna a servizio delle parrocchie di Santa Maria Maggiore e Santa Maria Nova, collaboratore nell’Up e responsabile della pastorale giovanile della Zona Centro

Mons. Giancarlo Lepri, parroco di Riosecco emoderatore dell’Up Riosecco-Lerchi-Piosina

Don Paolo Bruschi, parroco della Madonna del Latte, moderatore dell’Up Santa Veronica, Madonna del Latte, Graticole, Titta e Badiali e responsabile della pastorale giovanile diocesana

Don Livio Tacchini, parroco di Graticole

Don Ermenegildo Nyandwi, parroco di Badiali e Titta

Don Paolino Trani, parroco di Selci e moderatore dell’Up San Giustino-Selci-Lama-Cerbara

Don Filippo Milli, parroco di San Giustino e Cospaia, responsabile della pastorale giovanile della Zona Nord

Don Jean-Claude Nzayisenga, vicario parrocchiale di San Giustino e Cospaia.

Diaconi permanenti:

Urbano Salvi, collaboratore pastorale nelle parrocchie di Promano, Cinquemiglia, Castelvecchio

Salvatore Bartolucci, collaboratore pastorale nelle parrocchie di Trestina, Bonsciano e servizio nella pastorale del lavoro

Giuseppe Floridi, collaboratore pastorale nel Santuario di Canoscio e servizio Caritas

Angelo Pennesteri, collaboratore pastorale nelle parrocchie dell’Up Pietralunga-Montone-Aggiglioni

Giorgio Fiorucci, collaboratore pastorale nelle parrocchie di Madonna delle Grazie, San Michele e San Francesco

Federico Bosi, collaboratore pastorale nelle parrocchie di Riosecco e Pieve di Saddi

Manoni Ulderico, collaboratore pastorale nella parrocchia Santa Veronica La Tina e responsabile del dopo cresima nell’Up

Giuseppe Papagni, collaboratore pastorale nelle parrocchie di Badiali e Titta

Lucio Crispoltoni, collaboratore pastorale nelle parrocchie di Nuvole, Lerchi, Piosina, Astucci e Giove

Marco Cheli, collaboratore pastorale nella parrocchia di Selci

Marco Zangarelli, collaboratore pastorale nelle parrocchie di San Giustino e Cospaia

Giuseppe Meozzi, collaboratore pastorale nelle parrocchie dell’UP Citerna, Fighille, Pistrino e Lippiano.

I cambiamenti vanno effettuati entro il mese di ottobre.

Il 13 Novembre 2018, Solennità dei Santi Patroni, con la Celebrazione eucaristica presieduta dal Card. Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova, si concluderà ufficialmente la Visita pastorale e sarà consegnata la lettera pastorale del vescovo Cancian.

CITTA’ DI CASTELLO. SETTEMBRE A CANOSCIO

0CAN

Nel mese di settembre il Santuario di Canoscio fa memoria grata e gioiosa di 670 anni dell’affresco (1348), dei 140 della consacrazione (8 settembre 1878), dei 130 dell’incoronazione della Madonna (16 settembre 1888) e dei 20 del titolo di Basilica “Minore” (7 maggio 1998).

Famiglie e anziani. Sono le due categorie a fare da protagoniste in due iniziative promosse a Città di Castello. Domenica prossima, 9 settembre è in programma infatti la Giornata della famiglia, a cui sono invitate, in modo particolare, tutti coloro che hanno celebrato il loro matrimonio a Canoscio. Sarà l’occasione per rinnovare le promesse matrimoniali. Il cardinale Ennio Antonelli, presidente emerito del Pontificio Consiglio per la famiglia, presiederà la Messa alle ore 11 e alle ore 18.

Domenica 16 settembre, invece, avrà luogo la Giornata degli anziani e dei malati. Alle ore 11 la messa presieduta da mons. Domenico Cancian. Alle 16.30 la messa celebrata da mons. Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra.

Il 23 settembre la giornata del ringraziamento con la presenza del card. Edoardo Menichelli, arcivescovo emerito di Ancona-Osimo, che celebrerà la messa delle 11.

Il 22 settembre si svolgerà il concerto testimonianza di Debora Vezzani.

Per la Basilica Santuario di Canoscio, ha avuto inizio così un mese ricco di appuntamenti per fare memoria gioiosa e grata degli eventi più importanti che hanno segnato la vita di questo luogo sacro.

Ecco il PROGRAMMA

CITTA’ DI CASTELLO. CELEBRAZIONI PER LA FESTA DELLA MADONNA DELLE GRAZIE

0Madonna-delle-Grazie

Avrà inizio domani 23 agosto l’annuale triduo di preparazione alla festa della Madonna delle Grazie, patrona di Città di Castello e della diocesi, che avrà sede nell’omonimo santuario nel rione San Giacomo della città tifernate. Il cammino spirituale dei tre giorni sarà guidato da p. Jorge Luis M. Jiménez Delgadillo, frate dell’Ordine dei Servi di Maria, coordinatore generale per l’animazione vocazionale e segretario generale per la formazione. Per tutta la durata del triduo rimarrà scoperta l’immagine della Madonna delle Grazie. Le varie giornate saranno scandite da vari momenti liturgici: tra questi, il 23 agosto, alle ore 21, nella cappella della Madonna delle Grazie ci sarà una veglia di preghiera mentre il 24 agosto, alle ore 21, si terrà la tradizionale processione. Domenica 26 agosto alle 18.30 il vescovo diocesano, mons. Domenico Cancian, presiederà la concelebrazione eucaristica.

La devozione alla Madonna delle Grazie è molto antica e si è sviluppata attorno all’immagine dipinta da Giovanni di Piamonte nell’anno 1456. Fin dall’inizio l’iconografia esprime la dimensione “civica” del culto, dal momento che la vergine Maria è raffigurata nell’atto di indicare a al figlio Gesù Città di Castello, per impetrare la benedizione sugli abitanti. Dal tardo medioevo fino a tutta l’età moderna il legame tra la città e la devozione alla Madonna delle Grazie è stato molto forte. Il comune ha mantenuto una delle tre chiavi che in antico servivano per aprire lo sportello che custodiva l’immagine e nel 1620 ha contribuito alle spese per la realizzazione di una corona; infine, nel 1783 è stato il consiglio comunale a proclamare la Madonna delle Grazie patrona della città. Un ulteriore motivo di interesse è dato dall’immagine venerata, di alto livello artistico. Si tratta di una pittura su legno intagliato e dorato realizzata nel 1456 da Giovanni da Piamonte, collaboratore di Piero della Francesca. La tavola di Città di Castello è l’unica opera firmata e datata dal pittore.

CITTA’ DI CASTELLO. CHIOSTRI ACUSTICI 2018

0ca

E’ in corso di svolgimento l’iniziativa CHIOSTRI ACUSTICI 2018 promossa dalla Diocesi di Città di Castello e dalla Direzione del Museo diocesano in collaborazione con i comuni dell’Alto Tevere-Umbro e Toscano: Città di Castello, Citerna, Montone, San Giustino, Monte Santa Maria Tiberina, Pietralunga, Umbertide e Sansepolcro.

Le novità di quest’anno sono due: il coinvolgimento del Comune di Pietralunga anche in questo appuntamento estivo e la rinnovata partecipazione della municipalità di Sansepolcro, con l’apertura alla Regione Toscana.

Un calendario destinato ad un pubblico di conoscitori della musica, ma anche di appassionati d’arte. Negli spazi suggestivi e di straordinario interesse architettonico, i chiostri dell’Alto Tevere umbro e toscano si esibiranno artisti di fama internazionale come il chitarrista Agatino Scudieri e il clarinettista tifernate Fabio Battistelli; oltre il coinvolgimento di artisti del territorio come le corali cittadine e le scuole comunali di musica sarà offerta l’opportunità di ascoltare questi professionisti noti nel panorama musicale nazionale. L’iniziativa si prefigge la scoperta di alcuni chiostri del nostro territorio che grazie alla musica verranno valorizzati al meglio: il Chiostro del Duomo di Città di Castello, di San Francesco a Montone e a Umbertide, del Palazzo Comunale di Citerna, della Chiesa di Santa Maria a Selci di San Giustino, il Chiostro della Torre di Palazzo Bourbon del Monte Santa Maria Tiberina e la Piazzetta dell’Orologio a Pietralunga; a questi si aggiunge il Chiostro di Palazzo delle Laudi a Sansepolcro.
Tutti i concerti sono previsti con inizio alle ore 21.00. Questa sera, mercoledì 8 agosto è in programma nella Piazzetta dell’orologio di Pietralunga “Guerra e Amore” il concerto della Corale Polifonica Pietralungherese Direttore Rolando Tironzelli; “O dolce nocte – Antichi suoni”, amorosi canti si terrà giovedì 9 agosto nel Chiostro di San Francesco a Montone dove sarà possibile ascoltare la Corale Braccio Fortebraccio di Montone diretta da Stefania Cruciani; venerdì 10 agosto a Monte Santa Maria Tiberina presso il Chiostro della Torre di Palazzo Bourbon del Monte sarà la volta di “Viaggio intorno al mondo” con Cristian Riganelli (fisarmonica) e il tifernate Fabio Battistelli (clarinetto); penultimo concerto nel Chiostro di San Francesco ad Umbertide lunedì 20 agosto “EchOeS” con il Coro Eos Mario Madonna (pianista) – Direttore Fabrizio Barchi. La programmazione si chiude con l’ultimo appuntamento a Sansepolcro nel Chiostro di Palazzo delle Laudi mercoledì 23 agosto con l’evento dal titolo “Rossomalpelo” a cura di Effettok: Sergio Gaggiotti (chitarra e voce) – Carlo Conti (sax).

Tutti i concerti sono ad ingresso libero e grazie al collegamento territoriale intendono raggiungere tutti i turisti presenti nel territorio Umbro e Toscano; l’attenzione è rivolta anche ai cittadini residenti che possono in questo modo scoprire o ri-scoprire le bellezze del proprio patrimonio culturale nelle calde sere d’estate.
Per informazioni Museo Diocesano di Città di Castello 075 8554705 museo@diocesidicastello.it