ASSISI. MONS. SORRENTINO PARLA DEL SANTUARIO DELLA SPOGLIAZIONE

SANTU.SPOGLIAZIONE1

“Per Papa Francesco il santuario della Spogliazione può essere il luogo del discernimento dei giovani, nostro futuro e nostra sfida. Così lo vogliamo rendere”. Lo ha detto ieri sera mons. Domenico Sorrentino, vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, ai partecipanti del convegno per gli assistenti regionali, diocesani e parrocchiali di Ac, Fuci, Fuci, Meic e Mieac, che hanno visitato la parrocchia di Santa Maria Maggiore, eretta a santuario. Il vescovo ha ricordato la risposta del Papa alla sua lettera di erezione della chiesa, in cui san Francesco dismise “gli abiti del mondo”, a santuario. “Il Papa ci chiede di avere la forza e il coraggio di presentare il Vangelo nella sua radicalità e questa chiesa è simbolo di ciò”.

Secondo mons. Sorrentino, “la spogliazione di Francesco ci deve fare riflettere su quella principale della nostra fede, quella di Dio che ci ha fatto dono del suo figlio. L’evento di Francesco iconizza questo dato”. E una propria lettura di ciò è stata data anche da padre Marko Ivan Rupnik, gesuita sloveno e artista di fama, che ha realizzato il logo del santuario. “Rappresenta Francesco rivestito e rivitalizzato dal mantello di Cristo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *