FOLIGNO. MONS. SIGISMONDI: “TENERE FISSO LO SGUARDO SU GESU'”

0SIG

“Tenere fisso lo sguardo su Gesù è un compito al quale non possiamo sottrarci mai in nessuna situazione della nostra vita”. Lo ha affermato sabato mons. Gualtiero Sigismondi, vescovo di Foligno e assistente ecclesiastico generale dell’Azione cattolica italiana, alla conclusione della XXXVII Tendopoli di San Gabriele. Rivolgendosi ai tanti ragazzi presenti, il vescovo ha osservato che “si diventa adulti nella fede nel momento in cui, comprendendo che non è bello tenere per sé la propria vita, si comincia a compiere la manovra del distacco da tutto e da tutti”.

“Si tratta di una manovra impegnativa – ha proseguito – che se effettuata gratuitamente dilata lo spazio della libertà di amare e di lasciarsi amare”. Sigismondi ha poi parlato del “linguaggio della preghiera” che “è quello dell’amore, fatto di queste lettere, di questo alfabeto: la profondità dello sguardo, il silenzio dell’ascolto, il dialogo delle lacrime, l’intensità dell’abbraccio e la dolcezza del bacio. Sono tutti ingredienti dell’amore, gli stessi ingredienti della preghiera”.

“Vi auguro di imparare a tenere lo sguardo fisso su Gesù”, ha concluso il vescovo, evidenziando che “la bellezza e la profondità di una persona dipendono dai suoi occhi, così come il suo dolore appare dal suo sguardo”. Presente anche il vescovo di Teramo, mons. Michele Seccia, che nel portare ai ragazzi la preghiera e la benedizione di Fatima ha detto loro: “Il dono più grande che potete fare a voi stessi tornando nelle vostre comunità è raccontare e vivere l’esperienza vissuta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *