PERUGIA. ESPERIENZE DI CARITA’-MISSIONE ALL’ESTERO PER GIOVANI

PGP

La Pastorale giovanile diocesana promuove, tra settembre e ottobre 2017, due esperienze di carità-missione all’estero. La prima, dal 17 settembre all’8 ottobre in Malawi, la seconda, dal 24 settembre al 5 ottobre, in Kosovo. Quest’ultima è promossa in collaborazione con il percorso di formazione al servizio “Si può fare” della Pastorale universitaria, a cui prenderanno parte sette studenti, che vivranno l’esperienza del “Campo-missione” della Caritas di Leskoc, nel Kosovo nord-occidentale. E’ una realtà di carità nata nel settembre 1999, all’indomani della guerra serbo-kosovara, per opera delle Caritas diocesane dell’Umbria. Nella struttura sono accolte e aiutate persone in difficoltà, giovani e adulti, di fede cristiana, musulmana e ortodossa.

In Malawi si ritorna per il quinto anno consecutivo grazie alla positiva esperienza missionaria promossa sempre dalla Pastorale giovanile e dall’associazione diocesana “Amici del Malawi”, quest’ultima già presente nel Paese africano da oltre 30 anni. Il 17 settembre dieci giovani perugini, accompagnati da don Marco Briziarelli, neo presidente degli “Amici del Malawi”, si recheranno nella Diocesi di Zomba gemellata con quella di Perugia-Città della Pieve. Presteranno la loro opera di servizio in progetti di cooperazione e sviluppo unitamente alla visita delle realtà già avviate da anni dall’associazione “Amici del Malawi” con il coinvolgimento di Istituzioni civili e realtà imprenditoriali umbre: un ospedale, un politecnico e cinque asili.

I ragazzi e il loro accompagnatore, don Marco Briziarelli, porteranno 506 chili di aiuti umanitari, tra vestiti e materiale didattico. Don Briziarelli evidenzia quanto quest’iniziativa, come quella in Kosovo, sia stata benedetta, incoraggiata e sostenuta dal card. Gualtiero Bassetti, che si è recato più volte in entrambi i Paesi da quando è arcivescovo di Perugia. Il porporato ha invitato in più occasioni i giovani della diocesi a “non avere paura a rimboccarsi le maniche per aiutare i fratelli”. E anche “la scelta di essere accanto, di incontrare e mettersi a servizio per tre settimane dei bambini dei cinque asili di Zomba in Malawi, uno dei Paesi più poveri dell’Africa – sostiene don Briziarelli – è la testimonianza concreta di aver accettato l’invito ad alzarsi e a seguire Gesù, coscienti che ogni volta è più quello che riceviamo di quello che doniamo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *