ORVIETO. FESTIVAL INTERNAZIONALE “ARTE E FEDE”

0aef

Il festival internazionale Arte e Fede ritorna a Orvieto per il Corpus Domini. La manifestazione che da dodici anni regala alla città momenti di spettacoli, musica, incontri e storie di vita uniche, sarà di scena fino al 18 giugno prossimi accompagnando la Città in un vero e proprio “percorso culturale” verso la festività del Corpus Domini.

“Relazioni e narrazioni nel segno della Buona Notizia” questo il titolo della XII edizione.

Una scelta, quella del direttore artistico del festival Alessandro Lardani, non casuale perché, riprendendo le parole di Papa Francesco, “se comunichiamo indossando gli occhiali della Buon Notizia, non concediamo al male l’ultima parola. In questa luce ogni nuovo dramma che accade nella storia del mondo diventa anche scenario di una possibile buona notizia, dal momento che l’amore riesce sempre a trovare la strada della prossimità e a suscitare cuori capaci di commuoversi, volti capaci di non abbattersi, mani pronte a costruire”.

Ecco lo spirito di Arte e Fede, offrire narrazioni contrassegnate dalla logica della buona notizia. Intorno a questo argomento ruotano i dodici appuntamenti che fino al 18 giugno, spazieranno dal cinema al teatro, dal giornalismo alle comunicazioni sociali, alla musica.

Tra i personaggi ospiti del Festival ci saranno suor Cristina, diventata nota a livello internazionale con la seconda edizione del Talent Show “The Voice of Italy” (12 giugno ore 21 in Duomo), Paolo Cevoli, noto comico di Zelig, che narrerà la Bibbia in chiave teatrale (7 giugno in Piazza del Duomo). E poi ancora, ci sarà spazio per il Cinema ed altri incontri con un focus sulla ricerca e l’importanza della buona comunicazione nell’era della cosidetta post-verità.

In questo ambito, ospiti di rilievo saranno Marco Tarquinio direttore di Avvenire l’8 giugno ore 18 presso la cappella di San Brizio in Duomo con “Narrare l’uomo e il quotidiano nella logica della Buona notizia”. E monsignor Dario Edoardo Viganò, prefetto Segreteria Comunicazione della Santa Sede che il 9 giugno alle 18 in Duomo terrà l’incontro dal titolo “Vangelo e Buona comunicazione nell’era digitale” in dialogo con Luca Tomassini.  In programma, anche lo spettacolo “Vedere per Credere. Credere per Vedere” di Guido Barlozzetti che il 10 giungo alle 21 in Duomo attualizzerà il Miracolo del Corporale attraverso una narrazione in forma di Lectio, con interventi visivi di Massimo Achilli e musica d’organo. A fare da cornice al Festival, una mini Rassegna Cinematografica presso il cinema Corso di Orvieto, incentrata sul tema “Narrazioni nel segno della Buona Notizia”, che proporrà la visione di quattro film di grande spessore: “Paterson” di Jim Jarmush (5 giugno ore 21 Cinema Corso), “Silence” di Martin Scorsese ( 6 giugno ore 21 presso il Cinema Corso), “Ho amici in Paradiso” di Fabrizio Maria Cortese (alla presenza del Regista e dei ragazzi/attori dell’Opera Don Guanella – 14 giugno ore 20.30 Cinema Corso) e “Vedete sono uno di Voi” di Ermanno Olmi (15 giugno ore 21 Cinema Corso). Ad ampliare l’offerta culturale, il docu-film “San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D”, una produzione Sky e Centro Televisivo Vaticano sulle quattro basiliche romane, tassello fondamentale dell’immenso patrimonio artistico del nostro Paese (8 Giugno ore 11.00 – 14 Giugno ore 16.00 Biblioteca L. Fumi – Sala Eufonica) e la presentazione della Guida “La Via Romea Germanica” di Simone Frignani (16 Giugno ore 16.00 Comune, Sala Consiliare).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *