CITTA’ DI CASTELLO. PRESENTAZIONE DEL LIBRO ” STUDIARE, PREDICARE, LEGGERE”

0cop

Sarà presentato venerdì 1° Luglio, alle ore 17.30, presso la Sala Teatro “Orto della Cera” in Via del Pozzo a Città di Castello (quartiere San Giacomo) il secondo volume di “Castellana Ecclesia”, collana di studi sulla Diocesi di Città di Castello promossa dall’Archivio Storico Diocesano. La collana è pubblicata dalla Pliniana Editrice di Selci-Lama. Dopo il lavoro di Francesco Banconi dedicato alla riforma della musica sacra tra ‘800 e ‘900, la collana ospita uno studio di Andrea Czortek dal titolo “Studiare, predicare, leggere. Scuole ecclesiastiche e cultura religiosa in Alta Valle del Tevere nei secoli XIII-XV”.  Il libro sarà presentato dal prof. Pierantonio Piatti, del Pontificio Comitato di Scienze Storiche. La pubblicazione è sostenuta dalla Banca di Anghiari e Stia – Credito Cooperativo e dai Lions Club di Città di Castello e di  Sansepolcro.
Il volume analizza un’abbondante documentazione d’archivio dei secoli XIII-XV relativa alle scuole ecclesiastiche legate alla canonica della cattedrale di Città di Castello, al monastero camaldolese di Sansepolcro e agli Ordini mendicanti presenti nei due maggiori centri dell’Alta Valle del Tevere. Di particolare interesse si rivelano le costituzioni della scuola canonicale del 1288 (ma le prime informazioni sulla scuola risalgono agli anni ‘30 del XIII secolo). La seconda parte è dedicata alla presentazione di alcune biblioteche ecclesiastiche (monastero camaldolese di Anghiari 1140, vescovo di Città di Castello 1279, monastero camaldolese di Sansepolcro 1478/80) e familiari queste ultime nell’intento di capire quali testi di cultura religiosa fossero diffusi fra i laici. Un’appendice finale raccoglie schede bibliografico-documentarie su una quindicina di maestri (teologi e giuristi) di origine altotiberine e documentati tra la seconda metà del XIII secolo e gli inizi del XVI, tra cui l’agostiniano Dionigi da Sansepolcro (maestro spirituale di Francesco Petrarca), il camaldolese Giovanni Abbarbagliati, il minore conventuale Luca Pacioli (matematico), il Servo di Maria Stefano Becci da Sansepolcro (priore generale finora confuso con un quasi omonimo Stefano Mucciachelli), e il minore osservante Bartolomeo Cordoni da Città di Castello.

La ricerca permette di aggiungere nuovi e importanti tasselli alla conoscenza della vita culturale altotiberina dei secoli finali del medioevo, periodo nel quale si crea un humus intellettuale dal quale poi sorgeranno le grandi figure di artisti e intellettuali del  XV secolo, di cui Piero della Francesca e Luca Pacioli rappresentano i nomi più significativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *