TERNI. MOSTRA SUI MIRACOLI EUCARISTICI

corpus domini

Nella Cattedrale di Terni è ospitata fino al 30 giugno la mostra documentaria sui Miracoli eucaristici che illustra i 70 prodigi dell’Eucarestia.
La mostra dei Miracoli Eucaristici è storico-iconografica-catechetica: illustra quei prodigi eucaristici approvati dalla Chiesa, la cui catechesi che sviluppa contribuisce a rafforzare la fede. E per meglio comprendere il concetto del miracolo eucaristico dobbiamo approfondire cos’è l’Eucarestia, perché Essa stessa è il prodigio eucaristico.

L’Eucarestia è il nostro Paradiso sulla terra, che ci prepara a quello eterno del Cielo. Quindi ogni parrocchia in cui c’è il Tabernacolo vivente è un Paradiso terrestre. L’Eucarestia non è solo Sacramento del nutrimento spirituale per i fedeli, essa è pure il sacrificio della Chiesa: Gesù ha istituito l’Eucarestia non solo per stare sempre tra noi. Ecco che Gesù Cristo, con l’eucarestia, ci ha dato la sua carne e il suo sangue sotto le apparenze del pane e del vino.

PELLEGRINAGGIO NOTTURNO DA POLINO A CASCIA

cascpoli

E’ ormai un appuntamento tradizionale di luglio, il pellegrinaggio a piedi da Polino a Cascia, promosso dalla parrocchia di S.Gabriele di Terni, dall’associazione Progetto Verde, dal comune di Polino e dalla Proloco di Polino, e da quella di Monteleone di Spoleto, che si terrà tra la sera di sabato 8 e la domenica 9 luglio.
Un percorso di 25 km camminando sotto le stelle che comincerà con il ritrovo dei partecipanti alle ore 20.00 a Polino presso la piazza principale del paese e si concluderà domenica 9 luglio alle ore 7 con l’arrivo a Cascia al santuario di santa Rita dove alle 8.30 ci sarà la celebrazione. Durante i 25 km di cammino sono previste soste per la preghiera e il raccoglimento, tre posti di ristoro oltre alla colazione a Cascia. Il pellegrinaggio sarà assistito da un’ambulanza e da un medico e dalla protezione civile.
Iscrizioni e informazioni: 349 7168408 (Carlo); 0744 300306 (Rosalba) o presso la libreria Paoline in via Mazzini a Terni.

pc

L’OBOLO DI SAN PIETRO

0OSP

“Non amiamo a parole ma con i fatti”. “La carità è seminare speranza”. “È misericordioso quello che sa condividere e anche compatire i problemi delle altre persone”. “Le opere di misericordia sono quelle che ci tolgono dall’egoismo e ci fanno imitare Gesù più da vicino”. “C’è più gioia nel dare che nel ricevere”. Sono alcune delle frasi pronunciate da Papa Francesco per spiegare ai fedeli la misericordia, la carità, la solidarietà, la speranza, la condivisione. Valori legati anche alla Giornata per la Carità del Papa, la tradizionale colletta dell’Obolo di San Pietro.

Due –informa il competente ufficio della Santa Sede – gli appuntamenti dedicati alla raccolta delle offerte da parte dei fedeli per sostenere i più bisognosi in tutto il mondo. Il 25 giugno, la domenica più vicina alla solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, ci sarà la colletta in tutte le chiese. A Roma, come da tradizione, si svolgerà il 29 giugno,  in concomitanza con la festività dei Santi Patroni Pietro e Paolo.

PERUGIA. OLTRE 1000 PERSONE SI SONO RIVOLTE AI CDA CARITAS

caritas_logo

Oltre mille persone si sono rivolte nel 2016 al Centro d’ascolto della Caritas della diocesi di Perugia-Città della Pieve, 236 in più rispetto all’anno precedente. Cresce il numero degli italiani, in particolare, tra gli over 65 anni, e quello degli stranieri, soprattutto, tra gli under 24. Un dato che emerge dal secondo rapporto sulle povertà dal titolo “Oltre i numeri, 1000 volti incontrati. La presenza della Chiesa accanto ai poveri”, curato dall’Osservatorio della Caritas diocesana e presentato a Perugia. Disoccupati e pensionati chiedono aiuto più spesso. Il loro titolo di studio spesso non supera la licenza media. Tra i principali bisogni espressi, oltre a quelli relativi al lavoro, richieste di aiuto per difficoltà economiche o trovare e mantenere casa.

“La Caritas cerca di mettere in campo interventi che non sono soltanto erogazione di sussidi economici – spiega il direttore della Caritas diocesana, il diacono Giancarlo Pecetti -, ma anche consulenze professionali, mediche ed erogazione di beni e servizi, attraverso gli empori sostenuti dalla Fondazione Cassa di Risparmio. Non possiamo limitarci alla assistenza, alla cura, alla vicinanza degli ultimi, c’è urgenza di una attenzione autentica anche da parte della politica ai problemi della povertà”.

PERUGIA. SQUADRA DI CALCIO DI RICHIEDENTI ASILO VINCE UN TORNEO DI CALCIO

0PER

Si chiama African Team Caritas, ed è una squadra di calcio formata da richiedenti asilo ospiti del “Progetto di accoglienza” della Chiesa perugino-pievese. Ed è stato proprio questa squadra ad aggiudicarsi, ieri, le finali nazionali Opes 2017 disputate a Riccione, battendo gli avversari con un risultato di 1-0. A darne notizia è oggi, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato, la Caritas di Perugia-Città della Pieve. Grande l’entusiasmo degli 11 giocatori originari del Gambia, Ghana, Senegal e Nigeria che, con forte determinazione e tanto fair play, hanno lottato per aggiudicarsi l’ambito trofeo. Il titolo è stato conquistato al termine di una tre-giorni calcistica che ha portato la squadra “perugina” ad avere la meglio sulle squadre italiane partecipanti al torneo. Un bis, in realtà, dopo la vittoria del campionato provinciale Opes di calcio a 7 e che ha visto il club amatoriale impegnato per tutta la stagione invernale.

“Ma il risultato di domenica scorsa ha una valenza speciale, se si considera che molti giocatori scesi in campo sono impegnati nel digiuno del Ramadan”, si legge in un comunicato: “E, soprattutto, dall’impossibilità di bere”. Dunque prova fisica assai impegnativa, viste le temperature massime registrate in questi giorni e gli alti livelli di umidità.

All’entusiasmo degli atleti fa seguito la soddisfazione del mister Ilio Morettini, operatore del “Progetto di accoglienza” che, per l’occasione, ha seguito anche la preparazione fisico-atletica dei giovani: “Una squadra di giocatori improvvisati – si legge ancora nel comunicato – che si è allenata nel tempo libero dagli impegni nei lavori di pubblica utilità (svolti nelle aree verdi della città) e dalla cura quotidiana di una vasta coltivazione di 32.600 piantine di pomodori di tre diverse qualità impiantata nella periferia perugina, nel terreno adiacente alla struttura di accoglienza”.

Per l’occasione, le imprese calcistiche di domenica dell’African Team Caritas sono state supportate da un tifo straordinario: una cinquantina di supporters, richiedenti asilo anch’essi e coinquilini degli atleti, i quali, partiti da Perugia a bordo di un autobus, hanno raggiunto la cittadina romagnola decisi a sostener i loro atleti. E al termine delle partite, per festeggiare, squadra, tifosi e accompagnatori hanno raggiunto una vicina spiaggia libera dove hanno trascorso qualche ora in riva al mare.

PERUGIA. GIORNATA DIOCESANA DEI GR.EST.

grest

Mercoledì 21 giugno (ore 9-12), presso il Percorso Verde di Pian di Massiano a Perugia, si ritroveranno più di 4mila tra bambini e giovani animatori-operatori dei “Gr.est” (i gruppi estivi), organizzati tra giugno e luglio dai 33 oratori parrocchiali dell’arcidiocesi perugino-pievese (elenco “Gr.est.” sul sito www.perugiagiovani.net), per la loro annuale Giornata diocesana di condivisione e partecipazione all’insegna del gioco e dell’allegria, che si concluderà con il saluto dei rappresentanti delle Istituzioni civili e religiose locali all’interno del Palasport “Evangelisti”. A impartire la benedizione finale sarà il vescovo ausiliare mons. Paolo Giulietti insieme a don Riccardo Pascolini, direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale giovanile e responsabile del Coordinamento Oratori di Perugia e dell’Umbria.

Per don Pascolini “i Gr.est non sono parcheggi dove i genitori lasciano i figli al mattino per andare al lavoro, ma sono delle realtà socio-aggregative-educative di primaria importanza caratterizzate da uno spirito di prossimità che è il proprio. Si tratta di una proposta sempre di attualità e dal grande valore pedagogico”. Quella di quest’estate è intitolata: “Momo prenditempo”, ispirata liberamente al romanzo ‘Momo’ di Michael Ende.

Al centro dei Gr.est 2017 sarà il tema del ‘tempo’ che, precisa don Pascolini – c’è il tema del tempo che è un dono prezioso che siamo chiamati a gestire con cura, nel servizio, nella dedizione agli altri, nella qualità degli spazi di vita che ci ritagliamo per noi e per i nostri affetti. Imparare da piccoli a dare il giusto valore al tempo sarà una dote preziosa per la nostra vita da adulti”.

Novità importante di quest’anno è che i Gr.est sono stati riconosciuti idonei per il percorso di alternanza scuola-lavoro degli studenti delle superiori.

TERNI. MOSTRA VENTENNALE DELL’ASSOCIAZIONE SAN MARTINO

0mos

In occasione dell’inaugurazione, presso la Parrocchia del Sacro Cuore Immacolato di Maria in Campomicciolo della quarta tappa della mostra itinerante “Venti volte San Martino”, in cui vengono esposte, attraverso dei quadri, le Opere Segno della Caritas Diocesana di Terni-Narni-Amelia, martedì 20 giugno alle 18 si svolgerà il convegno sulla tematica del fenomeno migratorio a Terni: “Il fenomeno migratorio nella città di Terni. Una lunga storia di accoglienza”.

Interverranno: Francesca Malafoglia vice sindaco di Terni, Emanuele D’Amico capo gabinetto della Prefettura di Terni, Sabrina Borghi responsabile del servizio edilizia scolastica della Provincia di Terni, don Angelo D’Andrea parroco del Cuore Immacolato di Maria. Modera Ideale Piantoni direttore della Caritas diocesana di Terni-Narni-Amelia.

La mostra, presso la Parrocchia del Sacro Cuore Immacolato di Maria in Campomicciolo, resterà visibile fino al 26 giugno per poi spostarsi presso la parrocchia di Piediluco.

TERNI. E’ MORTO DON MAURIZIO CUCCATO

DM

Il 19 giugno dopo lunga malattia è morto nella sua casa di Conselve (Pd) mons. Maurizio Cuccato, cappellano di Sua Santità, parroco emerito di San Giovanni Battista a Terni e già direttore del Centro missionario diocesano con una lunga esperienza missionaria a Ntambue nella Repubblica Democratica del Congo alla guida della missione diocesana.

Mons. Maurizio Cuccato era nato a Bagnoli di Sopra (Pd) il 21.08.1944. Avrebbe, dunque, compiuto 73 anni fra un mese. Dopo aver svolto gli studi al seminario di Rovigo e poi al Pontificio seminario regionale di Assisi era stato ordinato sacerdote il 30.08.1975 a Bagnoli di Sopra (Pd) da mons. Santo Bartolomeo Quadri allora vescovo di Terni e Narni. E’ stato subito nominato vicario parrocchiale a Narni scalo e poi nel 1981 nella Cattedrale di Terni. Dal 1986 è stato parroco a Santa Maria Maggiore e San Nicolò in Collescipoli e dal 1989 nella parrocchia di Sant’ Antonio di Padova in Narni Scalo.

Poi l’esperienza missionaria a Ntambue Arcidiocesi di Kananga Parrocchia S. Bernardo, dal 1994 al 2000, dove ha avviato numerose opere per la promozione umana e per l’evangelizzazione, con la costruzione di chiese e centri della comunità in vari villaggi.

Al suo rientro in diocesi è stato parroco a San Gemini per tornare nuovamente in missione dal 2005 al 2007.

Negli ultimi anni ha svolto il suo ministero sacerdotale nella comunità di Giove, nella parrocchia di San Giovanni Battista a Terni e quale direttore del Centro missionario diocesano fino al 2016, che ha guidato e animato con profonda spiritualità e attenzione verso i più sofferenti.

Per diversi anni è stato anche insegnante di religione nelle scuole medie di Terni.

Le esequie saranno celebrate venerdì 23 giugno alle ore 11 nella chiesa arcipretale di San Lorenzo in Conselve (Pd) presiedute dal vescovo Giuseppe Piemontese.

LE SS. MESSE IN ONORE DI SAN JOSEMARIA ESCRIVA’

0sj

In tutto il mondo il 26 giugno, festa di san Josemaría Escrivá (1902-1975), fondatore dell’Opus Dei, vengono celebrate numerose Messe.

Mons. Fernando Ocáriz, prelato dell’Opus Dei, celebrerà la santa Messa in onore di san Josemaría a Roma, lunedì 26 giugno, alle 19.00, nella Basilica di Sant’Eugenio.

A Terni la santa Messa sarà celebrata, da don David Lazaro, mercoledì 21 giugno, alle ore 18.30 presso il Santuario S. Maria dell’Oro.

A Perugia la santa Messa sarà celebrata da S.Em. Cardinal Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia, lunedì 26 giugno, alle 18.00 presso la Cattedrale di San Lorenzo.

PERUGIA. IL CARD. BASSETTI: “SALVIAMO LA DOMENICA”

17

“Salviamo la domenica”: è, questo, il “messaggio” che il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei e arcivescovo di Perugia, ha affidato ai fedeli nel corso dell’omelia della solennità del Corpus Domini, nella cattedrale di San Lorenzo, nel capoluogo umbro.
“Abbiamo perso il senso della domenica – ha detto il cardinale – che è diventata tutto, fuorché il giorno del Signore. E noi cristiani, lo dico con forza, dobbiamo riappropriarci, riconquistare il giorno di festa”. “Che il lavoro festivo – ha proseguito – non diventi la regola e che non si moltiplichino soltanto le nuove cattedrali del consumo, come sta avvenendo anche intorno alla nostra città. Difendere la domenica, il riposo festivo, la possibilità per tutti di partecipare alla celebrazione dell’Eucaristia non significa soltanto difendere i diritti di Dio, ma anche affermare l’esigenza di un vita a misura dell’uomo”.